I giochi di Burlamacco
Burlamacco Maschera ufficiale del Carnevale di Viareggio

BLOG

Caricamento...
NEWS
Caricamento...
icona icona icona

SCOPRI GLI ALTRI SOCIAL IN INGLESE

icona icona icona icona icona icona icona icona

Satira, cartapesta e follia
Ecco il Carnevale di Viareggio

Carri giganteschi, feste rionali e veglioni

carro del Carnevale di Viareggio

Era il febbraio del 1873 quando ai tavoli del caffè del Casinò, tra i giovani bene della Viareggio d’allora, sbocciò l'idea di una sfilata di carrozze per festeggiare il carnevale, all'aperto, in piazza, fra la gente. Nacque così il Carnevale di Viareggio, che da allora richiama ogni anno nella città della Versilia migliaia di appassionati da tutta Italia.
Protagonisti indiscussi i carri allegorici di cartapesta: sono i più grandi del mondo, si muovono grazie ad ingegnosi meccanismi e sono animati dalla musica e dai balli di centinaia di figuranti in maschera.


I carri raffigurano in maniera caricaturale i personaggi della politica, della cultura e dello spettacolo: con satira e ironia il Carnevale di Viareggio affronta i temi più scottanti del momento e ci ride sopra. Da Craxi a Prodi, da Berlusconi a Dario Fo, non c’è protagonista della vita pubblica italiana che non sia stato sbeffeggiato dai carristi viareggini. Per un mese i carri sfilano tra la folla mascherata sulla Passeggiata a mare: un viale di oltre tre chilometri che si snoda tra la spiaggia e gli stupendi edifici liberty.

 

Per l’edizione 2017 il Carnevale di Viareggio durerà dal 5 al 28 febbraio e vedrà i giganti di cartapesta sfilare per ben cinque corsi mascherati. Si inizia domenica 12 febbraio alle ore 15, quando i tre colpi di cannone daranno il via alla prima sfilata dei carri, che torneranno sui Viali a Mare sabato 18 febbraio si terrà il corso in notturna, con inizio alle 17 e fuochi d'artificio. Si continua domenica 26 febbraio e il giorno di Martedì Grasso, il 28 febbraio, mentre il gran finale sarà domenica 5 marzo con il corso che inizierà alle 15 e si concluderà con la proclamazione dei vincitori e il grande spettacolo pirotecnico.

Ma il carnevale è una febbre che contagia tutta la città e non si limita al corso della domenica. Nelle sere del weekend, ma non solo, i quartieri di Viareggio – i rioni – si animano di grandi feste all’aperto: musica, balli e mascherate si riversano nelle strade chiuse al traffico fino a tarda notte. Ristoranti all’aperto offrono le specialità viareggine a base di pesce fresco, agli angoli delle strade vengono montati i palchi dove suonano le band e i dj: tutti rigorosamente mascherati.

Le feste rionali sono l’anima del Carnevale, la più famosa è il CarnevalDarsena, nello storico Rione Darsena, che per il 2017 si terrà nelle cinque serate da venerdì 24 a martedì 28 febbraio. Da non perdere anche il Rione Marco Polo, da venerdì 10 a domenica 12 febbraio, il Rione Croce Verde domenica 19 febbraio e il Rione Vecchia Viareggio giovedì 23 febbraio, con la festa per bambini dalle 14.30 e dalle 19 in poi quella in notturna.
Terminato il rione i nottambuli che vogliono tirare l’alba non hanno che l’imbarazzo della scelta: le discoteche e i locali della Versilia fanno a gara ad organizzare veglioni in maschera con musica e danze fino al mattino.


La maschera ufficiale del carnevale di Viareggio è il Burlamacco che fu dipinto per la prima volta sul manifesto del Carnevale 1931 da Uberto Bonetti. Un pagliaccio vestito d'indumenti sottratti alle maschere italiane della Commedia dell'Arte: una tuta a scacchi biancorossi come Arlecchino, un pon pon rubato dal camicione di Pierrot, una gorgiera bianca alla Capitan Spaventa, un copricapo rosso come Rugantino. A fianco di Burlamacco, Bonetti disegnò una graziosa bagnante vestita anni Trenta: Ondina.